lunedì, giugno 08, 2009

Nessun rigurgito

" La cosa berlusconi"
di José Saramago (El Paìs, 7 giugno 2009)

Non vedo che altro nome gli potrei dare. Una cosa che assomiglia pericolosamente a un essere umano, una cosa che dà feste, organizza orge e comanda in un paese chiamato Italia. Questa cosa, questa malattia, questo virus minaccia di essere la causa della morte morale del paese di Verdi se un conato di vomito profondo non riuscirà a strapparlo dalla coscienza degli italiani prima che il veleno finisca per corrompere le loro vene e per squassare il cuore di una delle più ricche culture europee.
I valori fondamentali della convivenza umana sono calpestati tutti i giorni dai piedi appiccicosi della cosa Berlusconi che, tra i suoi molteplici talenti, ha un’abilità funambolica di abusare delle parole, sconvolgendone l’intenzione e il senso, come nel caso del Polo della Libertà, come si chiama il partito con il quale ha preso d’assalto il potere. L’ho chiamato delinquente, questa cosa, e non me ne pento. Per ragioni di natura semantica e sociale che altri potranno spiegare meglio di me, il termine delinquente ha in Italia una valenza negativa molto più forte che in qualsiasi altra lingua parlata in Europa.
Per tradurre in forma chiara ed efficace ciò che penso della cosa Berlusconi utilizzo il termine nell’accezione che la lingua di Dante gli dà abitualmente, sebbene si possa avanzare più di un dubbio che Dante qualche volta lo abbia usato. Delinquere, nel mio portoghese, significa, secondo i dizionari e la pratica corrente della comunicazione, “atto di commettere delitti, disobbedire alle leggi o ai precetti morali”.
La definizione combacia con la cosa Berlusconi senza una piega, senza un tirante, fino al punto da assomigliare più a una seconda pelle che ai vestiti che si mette addosso. Da anni la cosa Berlusconi commette delitti di varia, ma sempre dimostrata, gravità. Per colmo, non è che disobbedisca alle leggi, ma, peggio ancora, le fa fabbricare a salvaguardia dei suoi interessi pubblici e privati, di politico, imprenditore e accompagnatore di minorenni, e in quanto ai precetti morali non vale neppure la pena parlarne, non c’è chi non sappia in Italia e nel mondo intero che la cosa Berlusconi da molto tempo è caduta nella più completa abiezione.
Questo è il primo ministro italiano, questa è la cosa che il popolo italiano ha eletto due volte per servirgli da modello, questo è il cammino verso la rovina a cui vengono trascinati i valori di libertà e dignità che permearono la musica di Verdi e l’azione politica di Garibaldi, coloro che fecero dell’Italia del secolo XIX, durante la lotta per l’unità, una guida spirituale dell’Europa e degli europei. Questo è ciò che la cosa Berlusconi vuole gettare nel bidone della spazzatura della Storia. Gli italiani, alla fine, lo permetteranno?

7 commenti:

Anonimo ha detto...

leggere queste cose fa strano....tanto siamo poco abituati a leggerle in italia...tanta tristezza...tanta...anche alla luce delle elezioni appena passate...:-( Aliaszero

Anonimo ha detto...

In Italia non si leggono queste cose , che triste.. tre baci e buon inizio di settimana , Barbara

MELCHISEDEC ha detto...

Siamo sulla bocca di mezzo mondo. intanto piace. Grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

Dino ha detto...

Alla fine del post, una domanda retorica? E' inutile dare una risposta che già si conosce!!! Baci

Anonimo ha detto...

Ser ti scrivo qui perché sicuramente leggerai. Scusa se non ti ho risp al messeggio, ma devo ricaricare e in questi gg sto barricata in casa, l'esame del 29 maggio è andato benissimo, ora ce ne ho un altro il 10, cioè dopo domani e su questo ho seri dubbi, non riuiscirò a ripetere tutto, troppi pochi giorni, cmq vado lo stesso a provare perché è uno scritto, altrimenti lo ripeto a luglio con maggior tempo per studiare e una maggiore preparazione.
Grazie per l'interessamento continuo, mi fa piacere avervi vicino anche in ambito universitario; a proposito di università, spero veramente che Lupetto rientri in medicina, è una facoltà nella quale la sua dedizione allo studio e per il prossimo sono indispensabili.
Un forte in bocca al lupo, anche se manca un po'.
Bacioni.
Fabiana

I'M SO GUY ha detto...

Eheheh avete ragione sul ventilatore ... solo che se avete letto bene... essendo in una casa "estiva" ... ed essendo "clandestini" li dentro... farsi la doccia non e' proprio possibile! :p ... purtroppo dobbiamo arrangiarci!!! ... eh uffa! kiss :)

Anonimo ha detto...

Buona giornata , anche se sembra che tra poco venfa il diluvio universale.. ci sarà un perchè??? Baci Barbara