martedì, giugno 15, 2010

Guido, eroe lombardo


Non posso lasciare che scivoli via nel silenzio la vicenda che riguarda un uomo come noi, lombardo, ucciso dalla 'Ndrangheta calabrese nella nostra terra.

Ieri l'intera Lombardia avrebbe dovuto fermarsi per i funerali di Guido Gallo Stampino, eroe dell'antiracket mafioso .
“Denunciare  è l’unica cosa da fare, non c’è altra strada” era solito ripetere nei momenti peggiori, fino all'ultimo, quando   un infarto lo ha ucciso  dopo otto ore d'intervento chirurgico per mettergli a posto quattro bypass collezionati in oltre dieci anni vissuti nel terrore della mafia .
La sua è una vicenda infinita, impastata di terrore e coraggio, quello di denunciare i mafiosi, di vederli condannati e di continuare a resistere in prima linea fino alla morte. E' così che uccide in Lombardia la ‘Ndrangheta che traffica droga e ricicla denaro in Padania, terra ricca e un po’ crudele, molto silenziosa, troppo distratta, quasi omertosa.
Qui la mafia può estorcere sangue e denaro protetta da un'omertà tutta lombarda. Estorce senza pensarci e solo per imporre il potere per il potere.
"Guido, un eroe lo è diventato dopo che per una notte intera, abbracciato nel letto con la moglie Lina, ha pianto tutte le sue lacrime e alla mattina ha deciso di denunciare i propri aguzzini. Perché la sua è una storia che sì parte dall’usura, ma termina fra le braccia di Francesco Sergi, alias Ciccio, capo sanguinario della ‘Ndrangheta di Platì, oggi all’ergastolo per omicidio e associazione mafiosa, ma all’epoca burattinaio degli interessi calabresi nel Milanese. Così, grazie alla denuncia di Stampino, nelle carte della Procura di Milano ci finisce il boss assieme ai fratelli Zavattieri, cognati mafiosi di don Ciccio. I tre ci rimangono dal primo grado fino all’Appello che riduce ma conferma le condanne per estorsione.
Eppure quanta fatica per arrivare fino a quella sentenza e quanto coraggio per sedersi nell’aula bunker di Milano e guardare in faccia il boss. “Non scorderò mai quello che mi disse – ricorda il signor Stampino - , una frase che Sergi ripetè per ben due volte”. Parole che restano lì, piantate nella mente. Disse il boss: “La mia vita adesso è qua, ma la tua è fuori e tu quei soldi me li devi ridare”.


È mafia che fa paura questa: nessuno ne parla, poco i giornali, niente i politici.Tantomeno le Banche spesso complici, come Guido ha denunciato. Eppure ieri pomeriggio ai funerali di Stampino celebrati nella chiesa del suo paese, Cerro Maggiore, la società libera affollava le navate. C'erano volti di vecchi e bambini. Generazioni a confronto, unite contro persone che hanno nomi, cognomi e stirpe.
La sua è stata una morte lenta: nel 2003 gli fanno trovare la testa sgozzata di un  maiale fuori da un suo negozio di Busto Arsizio.Sei anni dopo, gli stessi mafiosi  decidono di rapirlo. Lo prelevano appena fuori dal suo negozio. Lo portano in un campo, lo imbavagliano con lo scotch e lì lo lasciano non prima di averlo minacciato per l'ennesima volta.
E oggi? Sembra ieri. Sergi è in carcere, ma gli Zavattieri no. Scontata la pena, ora vivono in una bella villetta a San Vittore Olona, a due passi dal Circolo dei reduci dove nel settembre dello scorso anno fu ucciso il boss Carmelo Novella. Altre storie? Forse, oppure no, i carabinieri di Monza indagano. Di certo c’é che i boss in carcere comandano ancora. Di certo c’è che Guido Gallo Stampino è stato ucciso dalla mafia. E forse anche dal silenzio complice di chi lo ha lasciato solo.

domenica, giugno 13, 2010

Fuga dal blog


Non capisco molto, ma da quel poco che ho intuito mi si rimprovera di idealizzare sempre e comunque qualsiasi situazione della vita, politica, sociale, lavorativa, affettiva e persino relazionale, per poi indicarla, prima di tutto a me stesso e poi agli eventuali lettori,quale obiettivo cui guardare in vista di una crescita, di un miglioramento. Sarà, la mia, deformazione professionale: fatico a restare inchiodato alla realtà che considero limitata, negativa e repressa. Necessariamente avverto il bisogno di proiettarmi oltre, di spingermi col pensiero prima di tutto fin dove è possibile sperare in un cambiamento. In meglio.Che poi il sogno stenti a realizzarsi, perchè troppo pretenzioso e storicamente irrealizzabile, è nel conto, ma non lo si abbandona per questo. Semplicemente si esercita l'arte/virtù della pazienza, che esige attesa e preparazione, alimentando la speranza che non può venir meno, se non a costo di rinunciare alla vita, rassegnandosi un po' alla volta a volare rasoterra, un po' come le quaglie.Che è poi la tendenza attuale, quella che  i
 palazzi     del   potere vorrebbero per realizzare tranquillamente i loro progetti senza doversi scontrare continuamente con le attese dei cittadini.Vivere il presente come viene, cercando  di goderne il massimo possibile è l'atteggiamento tipico delle nuove generazioni che non sanno- non sono state abituate-  guardare al futuro sognando.E' l'unica giustificazione che concedo a Dan, quella di essere figlio del suo tempo e come tale ancorato visceralmente al presente, con qualche volo al futuro in termini assolutamente astratti, subito ridimensionati dalle irrinunciabili, impellenti esigenze che il presente richiama prepotentemente.Per questo considero definitivamente conclusa l'avventura del blog: anzichè essere incoraggiato a sognare dai miei compagni, mi sono puntualmente ritrovato frustrato e tarpato nelle mie voglie di poter volare alto, almeno col pensiero.Mi scopro, alla fine, riflesso nella realtà per quello che sono, coi piedi direttamente a terra, anzi, affondati nell'acqua, per cui  sprofondano sempre più giù.Un'immagine tremolante e capovolta vorrebbe rappresentare quello che sono. Così  agli occhi del giovane Dan.

Di notte

"Di notte il verbo amare è un tempo al passato. Di notte".
Ierisera grecata con gli amici al Sirtaki qui vicino. E' stato il nostro modo, un po' privato per la verità, di partecipare al pride di Milano che ogni anno capita in un data che rende impossibile la nostra partecipazione. Vero è che  condividiamo poco le modalità e la stessa gestione che lo caratterizza , ma penso sia comunque necessario "fare numero" in certe occasioni.Non è il momento dei soliti discorsi contro,del filosofare alla ricerca della perfezione: oggi conta solo essere nelle piazze per mostrare che i cittadini, pur sfiduciati dalla politica dei professionisti, non rinunciano ai loro diritti e tengono l'occhio vigile su quel che accade (e non accade) nei palazzi del potere. Non solo ovviamente per ciò che riguarda il mondo gayo, ma per tutto quello che coinvolge la nostra vita di persone e cittadini. Già, dovremmo essere in piazza in pianta stabile, almeno finchè quegli stessi palazzi non torneranno ad essere occupati da persone illuminate, cui sta a cuore il Bene comune e non il proprio...
Stamattina non sono riuscito a trovare notizie relative al pride  sulla stampa nazionale: sono più stordito del solito io o vorrà significare qualcosa?
"Di notte le emozioni sembrano più dense. Di notte. /Di notte nascono le melodie più intense. Di notte. /Di notte un bacio vola verso l’infinito. Di notte. /Di notte scopri la dolcezza di un compagno. Di notte./ Di notte esce la forza di non dirmi che hai bisogno di me ./E fa male quando dici che stai male e non sto con te ./E fa male col dolore che t’assale e non sto con te. /E fa male quando non sono all’altezza di star con te. /Mi fa male quando nonostante tutto, tu scegli me .".
I nostri amici erano stupiti per la vacanza solitaria di En appena conclusa e ancora di più nell'apprendere che presto anche Dan ed io avremo le nostre vacanze da singoli. Proprio vero che basta una piccola novità nelle abitudini consolidate nel tempo per suscitare curiosità ed anche apprensione.
"Di notte il mondo è giusto perchè sta dormendo. Di notte./Di notte il tuo dolore già mi sta uccidendo. Di notte./Stanotte ti amerò come se non potessi farlo mai più".
Eppure abbiamo bisogno di crescere continuamente, di cambiare e di evolverci verso il  meglio. Per non restare al palo, per non soffocare. Noi, ma anche la società che sprofonda sempre di più, mentre stiamo a guardare." E rideremo ancora, come sempre come ora/ gli angeli vivono in cielo, ma tu resta qua con me.".
Di notte.

sabato, giugno 12, 2010

Vacanze da solo

Eccomi a casa!
Sono stati quattro giorni davvero belli. Ero un po' preoccupato perchè non ho mai trascorso molti tempo in solitudine, lontano da casa se non per impegni di lavoro. Stare soli in ferie ti obbliga ad organizzarti la giornata per non farti prendere dalla totale pigrizia. Avevo voglia di staccare la spina dal lavoro e spegnere i cellulari. Volevo pure staccarmi da qui, da Ser, Dan ,Lupetto e Mira. Quando si è un po' stressati, tutto e tutti diventano pesanti ed insopportabili. Lupetta mi adora, è totalmente dipendente da me quando sono in casa. Quando mi sdraio sul divano in un lampo arriva e vuole mettersi tra il mio sedere e la schiena. Se vado in bagno, mi segue. Spesso mi fissa per poi buttarsi con il muso sul mio. Il veterinario dice che è stata svezzata troppo presto e mi ha identificato ,data la mia mole, quale figura di riferimento, la mamma per intenderci. Ser che pure gli moriva dietro è stato graziato da questa asfissia, forse perchè è più piccino di me, non so. Certo lei mi da tanto con le sue coccole ed accarezzandola scarico le tensioni accumulate, però a volte è troppo. Sicuramente l'ho abituata male assecondando, quando era piccola, tutti i suoi capricci. Anche se pesa meno di tre chili è una presenza che riempie la nostra casa ed anche solo l'assenza di un minuto è il pretesto per una festa con tanto di abbai e scodinzolamenti.Beh, sono andato fuori tema. Mi era stato chiesto solo di raccontare i giorni trascorsi ai Lidi. E' nel mio essere fare dei grandi minestroni dove i sentimenti, l'istinto e la ragione lottano ferocemente per avere il sopravvento l'uno sull'altro. Tantissimo sole, lunghe passeggiate in bici e tanto sonno hanno caratterizzato le mie giornate. In quelle terre con la bici vai dappertutto. Mi sono persino addentrato in una riserva naturale ed ho avuto un bellissimo incontro con una lepre, anche se mi è sembrato un canguro tanto era grossa e veloce. Una infinità di uccelli, tra i quali gli aironi celerini e le gazze ladre (sono le uniche razze che distinguo). Poi un cartello con scritto “attenzione tori neri in libertà” mi ha fatto desistere, anche perche' era specificato a “quattro zampe”.

La vacanza mi ha portato anche nuove conoscenze. Purtroppo solo di una sera, l'ultima. Leccavo tranquillo il gelato e mi sento chiamare da una panchina. Erano quattro signori che mi avevano notato in spiaggia. Quattro chiacchiere di routine per conoscerci. Due coppie, di cui una over 60 e l'altra composta da un setantenne ed un quarantottenne. Molto simpatici e in poco tempo disposti a raccontarsi. Ho preso tantissimo sole e mi sono concesso una giornata in un centro benessere. Giornata da ripetere almeno due volte l'anno. Rigenerato e rilassato, mi sono goduto una bella serata al ristorante, antipasto di mare e spaghetti allo scoglio accompagnati da mezzo litro di vino bianco eccezionale. Ora devo attendere fine luglio per trascorrere quelle che sono le vere ed uniche vacanze per me, quelle con le persone che amo. Certo dovremmo anche darci una mossa e sistemare qualche questione ancora sospesa ma come dire se c'è l'amore...
Quattro passi sulla spiaggia e poi a nanna con sempre nella testa e nel cuore i miei cari ed il sogno di restare sempre insieme.
Un caro saluto agli affezionati e buon week end! (En)
Una canzone allegra che invita a non arrendersi, a rialzarsi sempre e a combattere per conquistare ciò che ognuno di noi desidera. E' tempo di Africa, un continente che ha tanto bisogno di noi, ma anche noi di Lei!!!

giovedì, giugno 10, 2010

La beata solitudine e l'Ernesto

Finalmente un pomeriggio libero.Anche la serata sarà tutta per me, perchè Dan parteciperà ad una cena.Sto bene da solo, ognitanto ci vuole. E comunque c'è lupetta che necessita di attenzioni. Ierisera Dan ha giocato la partita del torneo (calcetto), ma quest'anno non fa notizia perchè la sua squadra sta vincendo alla grande e lui, come il solito, è lanciato nella conquista del titolo di capocannoniere.
Domani tornerà En e sarà una sorpresa per la piccola: peccato non potrò assistere alla scena.Sono incerto se avvisarla già da stasera per farle trascorrere una notte d'attesa o se invece non dirle nulla. Ma tanto lo sente, non so come faccia, sta di fatto che avverte in anticipo l'arrivo, anche quotidiano, di ciascuno di noi. Sarà il sesto senso dei nostri piccoli amici.
Chissà se En avrà voglia poi di raccontare sul blog questi 4 giorni vissuti lontano da noi, dalla sua famiglia.Finora era sempre successo che la lontananza fosse imposta dal lavoro, mai dalla necessità di una vacanza. L'importante è che si sia rilassato, come quotidianamente ci assicura.
 Poi sarà la volta di Dan che tornerà per pochi giorni al paesello. A quel punto toccherà anche a me un breve viaggio, sempre che non venga convocato last minute in qualche commissione d'esame (quest'anno mi è andata stranamente di....),ma non ne ho una necessità reale.E' solo per lo sfizio di svezzarmi un po' anch'io dalla troppia, eh eh.Non saprei nemmeno dove andare da solo, forse Roma visto che l'ho promesso al mio amico Ser. Oppure qualche giorno  al mare che mi piace sempre  troppo, ma dove? Si vedrà. Per ora mi godo il tempo che ho a disposizione. Di sicuro non dormendo.
Dimenticavo: ierisera, tornando dalla nostra solita passeggiata serale, lupetta ed io abbiamo finalmente conosciuto Ernesto, il simpatico porcospino condominiale. E' incredibile, si lascia accarezzare e gli piacciono tanto le coccole, specie sul pancino.L'abbiamo fotografato, ma era troppo buio e non si vede chiaramente. Riproveremo, ora che sappiamo l'ora in cui diventa attivo e lo si può incontrare.

mercoledì, giugno 09, 2010

Scelte responsabili

Chi ci segue da un po' sa bene che la nostra troppia è rigidamente monogamica per scelta convinta, ma ovviamente il bello del mondo è la diversità. Anche delle scelte. Ogni individuo, ogni coppia e troppia consapevolmente scelgono  il proprio stile di vita che dipende da un'infinità di fattori e motivazioni che dal di fuori non possono e devono essere giudicate. L'importante è l'equilibrio e con quello il benessere dell'individuo, della coppia e della troppia.  NoirPink - modello Pandemonium, il francese SNEG (Syndicat National des Entreprises Gaies) e l'IPSR (Institute for Prevention & Social Research) di Utrecht, hanno deciso di offrire una traduzione italiana di Plans à trois" (Incontri a tre)che  è un bellissimo manuale di prevenzione dell'Hiv (e non solo) per le coppie aperte. Mi pare uno strumento utilissimo, a  prescindere dalle scelte personali, perchè le malattie sessualmente trasmissibili impongono comunque una riflessione sul benessere integrale,psico-fisico, della persona. Fare prevenzione è più che informare su questioni tecniche:" significa raccontare un complesso intrecciarsi di desideri, corpi, istinti, sentimenti, incertezze... e muoversi all'interno di questo caotico ed emozionante coacervo di "cose umane" con attenzione, rispetto, empatia, comprensione". Il manuale si propone di promuovere "l'etica della comprensione e della responsabilità", perchè, come recita "Non esiste una coppia identica ad un'altra e le regole di coppia non sono fissate una volta per tutte".

Sono troppo stanco per andare oltre (sono appena tornato dalla metropoli) per cui mi affido al linguaggio diretto dei giovani: "Raga, comunque siano le nostre scelte, andiamo a leggerci immediatamente la traduzione (a puntate) e facciamone tesoro. Per noi stessi e per quelli che amiamo".

P.S. Usti usti usti. En sarebbe tornato domani e sono stato io, sì proprio io!, a dirgli di tornare venerdì. Mi manca, non voglio diventare patetico, ma quest'è nonostante i tanti anni insieme. Però credo anche sarebbe un peccato non approfittare della vacanza. Un giorno in più resisteremo, Lupetta compresa, sapendolo finalmente rilassato.Ma com'è difficile amare, acc!

martedì, giugno 08, 2010

Mare e non solo

Mentre En da ieri s'abbronza al sole dei Lidi sguazzando nell'Adriatico, noi qui si tira dritto come i muli alpini di una volta , prima del loro pensionamento.Stanotte ho fatto la solita  faticaccia a mandare a letto Dan che si era, tanto per mantenere la tradizione, pesantemente addormentato sul divano.D'altra parte il lavoro del mezzano è quello, tra i nostri,più stressante e delicato per le grosse responsabilità  : se non avesse staccato anche solo per pochi giorni,c'era il rischio che crollasse sul campo.Lupetta sembra sopportare bene la sua lontananza, ma è anche vero che, nonostante resti  sola tutto il giorno, la sera quadruplico le mie attenzioni nei suoi confronti e mi piace pensare che questo le basti. Scegliere di adottare un animale comporta inevitabilmente un impegno che va mantenuto e che comunque è abbondantemente ripagato in tutti i sensi.
Ieri Barone consigliava la lettura di "Mezzanotte e cinque a Bhopal" che rilancio  a chi sia disposto a rabbrividire ripercorrendo  il resoconto dettagliato di oltre 3 anni di indagini su una tragedia tremenda. E' drammaticamente crudo e vero, come lo sono i libri di Dominique Lapierre (questo scritto a 4 mani con Javier Moro),  giornalista francese , ormai ottantino credo, dal vocione grosso e un cuore enorme che sa immediatamente contagiare. Suo è lo straordinario "Più grandi dell'amore" che ricostruisce la drammatica scoperta del retrovirus dell'Aids nei laboratori antagonisti, quello francese e quello statunitense, sullo sfondo di storie umane che si intrecciano agli inzizi degli anni '80 .
Il brutto momento economico (e non solo)che stiamo vivendo forse può renderci più disponibili alla comprensione di tragedie che per noi occidentali appaiono inimmaginabili, mentre sono purtroppo la quotidianità per la stragrande maggioranza della popolazione mondiale.
C'è di che riflettere.

lunedì, giugno 07, 2010

Velenosa ignoranza

Ci sono voluti 25 anni per riconoscere la colpevolezza (per negligenza) di 8 responsabili della strage di Bhopal, in India,in cui morirono, si stima, 20.000 persone e altre 500.000  subirono patologie di differente gravità per le conseguenze dell'inquinamento di terra, aria e acqua. I colpevoli rischiano ora un massimo di 2 anni di detenzione...
Da noi i veleni continuano a rendere  alla grande, come risulta dall'Osservatorio ambiente e legalità di Legambiente:più di venti miliari di euro è il profitto annuo dell'Ecomafia, circa un quarto dell'intero fatturato delle mafie. Le mafie attraverso gli affari nel settore ambientale ricavano un profitto superiore al profitto annuo della Fiat, che è di circa 200 milioni di euro, e più del profitto annuo di Benetton, che è di circa 120 milioni di euro.Usare il territorio italiano come una grossa discarica nella quale nascondere rifiuti è molto più redditizio che coltivare la terra.
Saviano:"Per difendere il Paese, per continuare a respirare, è necessario comprendere che in molte parti del territorio il cancro non è una sventura ma è causato da una precisa scelta decretata dall'imprenditoria criminale e che molti, troppi, hanno interesse a perpetrare.
O quello delle ecomafie diventa il tema principale della gestione politica del Paese, o questo veleno ci toglierà tutto ciò che aveva permesso di riconoscere il nostro territorio. La speranza è che questo allarme venga ascoltato".Far scomparire da un giorno all'altro montagne di spazzatura da Napoli non è stato uno dei miracoli del Premier?
Dev'essere pericoloso stare troppo tempo nello stesso luogo, per questo la riforma Tremonti (prestanome Gelmini)dell'istruzione superiore prevede tagli drastici al tempo scuola (e ai programmi). E' lodevole l'attenzione  che i nostri governanti riservano alle future generazioni. Forse queste acquisiranno  minori strumenti per affermarsi nel mondo del lavoro o  per proseguire gli studi universitari con profitto, ma a chi  importa?

domenica, giugno 06, 2010

... e domenica sera

Ieri sera siamo finiti al Barlafus (Varese). Siamo arrivati tardi, erano già passate le 23, per cui non era proprio il caso di fare uno squillo a Dino perchè ci raggiungesse con Edo.In ogni caso lavorava, come ho scoperto dal commento al post di ieri lasciato poco fa.  La serata è stata tranquilla, bevendo mohitos ed ingurgitando patatine fritte.Abbiamo trovato Mau (un altro, non il compagno di Mau, eh eh) che non vedevamo da ... Boh, nemmeno lui ricordava. Sicuramente sono passati più di 5 anni, perchè non sapeva della nostra evoluzione in troppia. Bevendo e chiacchierando abbiamo tirato l'una. Siamo rientrati un attimo dopo Lupetto, giusto in tempo per il rituale  bacio della buona notte. Noi invece abbiamo giocato fino alle ... Boh, nemmeno questo ricordo: so che poi i novi si sono addormentati sul divano ed io pure, ma solo per poco. Uno alla volta sono riuscito a mandarli letto. Ho spento la luce che già albeggiava, erano quasi le cinque.

En è talmente stressato dal lavoro che ha bisogno di una pausa: tre giorni che trascorrerà al mare nella casetta ai Lidi. Solo, uff. Nessuno di noi può prendersi qualche giorno per fargli compagnia, ma forse ha proprio bisogno di staccare un po' da tutto.Lascerà a casa persino lupetta, che inevitabilmente soffrirà le pene della nostalgia e toccherà a me consolarla.
Oggi, domenica, non è stato giorno di riposo come speravo. Mi sono dedicato al giardinaggio duro potando, fuori tempo, cespugli di rose che si stavano inselvatichendo. Pomeriggio dedicato ancora a noi e all'amore profittando dell'uscita di Lupetto, il cui ritorno stiamo attendendo ora per poterci sedere a tavola. Siamo affamati.

sabato, giugno 05, 2010

Ed è subito sabato sera

Oggi è una di quelle giornate che si va di corsa. Non che sia successo qualcosa di speciale, ci sia stato da afferrare chissà quale attimo. No, no, tutto tra, eppure tutto di corsa. Capitano giorni così: si corre si corre senza una ragione, senza concludere . Beh, almeno ho terminato l'ultimo di Camilleri preso al volo ieri al Super: La caccia al tesoro.Protagonista è Montalbano, ma mi stra-piacciono tutte le sue opere. Sono affascinato dalla lingua in prima battuta. Quel siciliano che credo sia frutto di una ricerca seria e documentata, ma  anche di una personalissima mediazione.E poi per tutto il resto, che però non sto a raccontare per non annoiare anche il sabato sera. Anzi, a proposito della serata , siamo del tutto sprovvisti di programmi, ma sarebbe un peccato restare a casa, al chiuso, con il piacevole tepore estivo che invita ad uscire, a stare con la gente. Solo Lupetto sa già cosa farà: presenzierà con l'intera classe al "ballo delle debuttanti" del più aristocratico dei  Villaggi comaschi , proprio a due passi da noi. Tra i protagonisti alcuni compagni  che renderanno l'evento almeno un po' interessante e magari anche divertente. Il vero obiettivo  è però l'inaugurazione di una disco estiva che aprirà i battenti subito dopo.
Noi si vedrà.
Non auguro buona serata perchè spero mi leggerete solo domani.

venerdì, giugno 04, 2010

Rischi "normali"

Picchia finalmente questo sole di giugno che annuncia il tempo delle vacanze, della vita libera dai soliti impegni e doveri. C'è sempre un  tempo per tutto, anche per se stessi: basta pazientare e arriva anche dopo un inverno lunghissimo ed una primavera altrettanto capricciosa. E' normale, tutto avviene secondo le regole. Si. ha ricevuto la notifica dell'udienza di divorzio: ad agosto l'ultimo legame con Di, quello giuridico, verrà ufficialmente spezzato. Poi, come scrive: "la mia vita sarà libera da un contratto firmato per amore e sciolto per dovere. Ma funzionano così no, queste cose? Per tutti gli esseri umani, siano etero o gay... uno lascia, ci si lascia, e poi si rimettono insieme i pezzi di una vita, si buttano via molti sogni che non avverranno mai e si cerca di costruirsene di altri. ". E' una osservazione amara la sua, ma vera e reale. Si. e Di. si erano sposate grazie alla  legge elvetica che consentele le unioni tra persone dello stesso sesso, indubbiamente una conquista sociale a tutti gli effetti, ma che  non risolve magicamente le difficoltà del vivere insieme quotidiano, la necessità di costruire giorno per giorno la relazione d'amore che tocca sempre, ovviamente, ai protagonisti in prima persona.
 Per etero o gay, la fine di un amore, al di là delle questioni giuridiche, è sempre una sofferenza:"ebbene, vorrei fargli sentire il mio cuore che batte, le mani che tremano e il senso di fallimento intrinseco che si prova. Immagino che le "famiglie normali" provino le stesse cose no?(...)E' un processo molto lento, come ho modo di provare. Un processo che ha dei picchi di normalità ed altri in cui svegliarsi fa male". La fine di un amore, comunque vada, lascia inevitabilmente un vuoto nel quale si può riconoscere il proprio fallimento.Qualsiasi ne sia stata la causa.
L'amore, riconosciuto  legalmente o no, resta  un salto nel vuoto, senza alcuna sicurezza o appiglio di salvataggio.  Esige abbandono totale che non può essere immediato e nemmeno spontaneo, perchè soltanto un po' alla volta ci si abitua a riconoscere nel caos della vita il suo rassicurante richiamo che non è mai assordante e prevaricante. E' quello il momento del salto, il cui esito però non è mai certo.

mercoledì, giugno 02, 2010

"Bruciava di amore e poesia".

Così Fernanda Pivano aveva definito la relazione di Peter Orlovsky e Allen Ginsberg, la prima  coppia dichiaratamente gay  in America  e nel mondo. Una storia  che "bruciava di amore e poesia"  che  è durata oltre 30 anni, dal 1955 al 1997, quando Ginsberg  è morto, mantenendo fede all'l'impegno di "possedersi e donarsi l'un l'altro fino a che non fossero andati insieme in Paradiso". Peter ha raggiunto Allen domenica scorsa,in punta di piedi.   Se ne è andato così un altro  protagonista della beat generation,  la  grande stagione della controcultura americana.Assieme alla poesia, alla provocazione e alle idee, Peter e Allen portarono sotto i riflettori dell'America anche il loro scandaloso amore: "la bellezza della foto in bianco e nero che Richard Avedon scattò a Peter e Allen, nudi in un abbraccio è stata capace di sfidare, forse più di ogni parola e di ogni invettiva, la coscienza sporca di qualsiasi tribunale morale".


My Bed is Covered Yellow
My bed is covered yellow - Oh Sun, I sit on you
Oh golden field I lay on you
Oh money I dream of you
More, More, cried the bed - talk to me more -
Oh bed that taked the weight of the world -
all the lost dreams laid on you
Oh bed that grows no hair, that cannot be fucked
or can be fucked
Oh bed crumbs of all ages spiled on you
Oh yellow bed march to the sun whear yr journey will be done
Oh 50 lbs. of bed that takes 400 more lbs-
how strong you are
Oh bed, only for man & not for animals
yellow bed when will the animals have equal rights?
Oh 4 legged bed off the floor forever built
Oh yellow bed all the news of the world
lay on you at one time or another

(1957, Paris)

martedì, giugno 01, 2010

Tristezza di uomo

Qualsiasi parola sul massacro del Flotilla è di troppo.Non ho  voglia di parole in questi giorni, anche se so perfettamente che servono. Servono per far sapere, informare. Per conoscere.La parola ha una potenzialità straordinaria, ma può essere messa a tacere con uguale facilità. Dipende dall'uomo che la usa e che la riceve. Ma , a questo punto, chi è l'uomo? Chi siamo veramente se lasciamo che tutto vada sempre  per il peggio?
Il nostro amico D. da Londra scrive:"Leggevo del ragazzo picchiato a Roma, anche qui succede picchiano i gay e li ammazzano pure.L'omofobia c'e' dappertutto anche in paesi come questo che sembrano così civili ed aperti. Anche a me e' successo di essere stato picchiato, via vittorio emanuele a como,venerdi 9 febbraio 1990, me lo ricordo come se fosse ieri: notte al pronto soccorso e 10 giorni a casa dal lavoro, mattino dopo denuncia contro ignoti.............son sicuro mi hanno picchiato perche' gay, non avevano nessuna altra ragione per farlo e di sicuro non ho fatto nulla per provocarli , ero nel posto sbagliato al momento sbagliato ".
In questo momento le parole, mie e di tutti, sono solo chiacchiere. Chiacchiere per giustificare la passività con cui registriamo la cronaca peggiore.
Domenica sera è arrivato a sorpresa S., il mio amico degli anni napoletani. Giusto un giorno per stare insieme e condividere il disagio di chi fatica a trovare un lavoro decente. Da un anno lui e la moglie hanno lasciato Napoli per Roma, sperando in qualche cosa di meglio, un futuro meno precario, ma le cose non stanno andando come speravano. Chiacchiere, sempre e solo chiacchiere. 

domenica, maggio 30, 2010

Parafulmini

Nuova aggressione omofobica a Roma:  "Sghignazzavano mentre mi colpivano". Il tutto è avvenuto in via Fagutale, la stessa via ormai nota in tutta Italia per la pretigiosa abitazione "donata" all'ex ministro Scajola ,a sua insaputa, da amici compiacenti. La banda di delinquentelli, tutti italiani, ha sfogato  la propria rabbia repressa su un giovane gay di passaggio, lasciandolo mezzo morto. Gli amici poi diranno di non aver trovato solidarietà nel bar in cui è stato ricoverato svenuto. Senza voler indagare sulla patologia di chi si scaglia gratuitamente sul diverso, già ampiamente discussa nella letterartura specifica e lapidariamente sintetizzata da Aldo Busi nel video poi riproposto da Youtube, non posso fare a meno di pensare, forse per la coincidenza geografica di questo ennesimo caso, che ci sia anche una regia che abilmente incanala la rabbia delle menti più deboli convogliandola su obiettivi meno compromettenti e già naturalmente destinati al ruolo di  vittime.Mi spiego meglio: la situazione sociale, esasperata dal disastro economico e dalle inesistenti speranze circa un miglioramento nel  futuro,  accumula frustrazione e rabbia che rischia continuamente di esplodere all'esterno, almeno in quei gruppi cresciuti allo stato semibrado di certi contesti sociali, per la maggior parte descolarizzati o comunque privati di sufficienti strumenti critici. Tale rabbia montante dovrebbe trovare  nei responsabili del disastro economico-sociale i veri colpevoli da punire: chi vive sulla propria pelle il dramma della casa punterebbe il dito accusatorio direttamente contro la cricca che regala abitazioni di lusso ai personaggi della politica e, semmai, anche contro questi ultimi che accettano, evidentemente in cambio di favori, doni prestigiosi da malafattori. Eppure non va così.
 Nella società italiana vengono lasciate a se stesse categorie "parafulmine", non protette neppure nei diritti elementari, che fungano da ricettori del bisogno di violenza dei più esagitati. Immigrati e gay sono ovviamente i più esposti, perchè meno tutelati. Ricordate l'iter naufragato miseramente della legge che avrebbe inasprito le pene per i reati di omofobia?
La società berlusconiana ha bisogno di vittime designate sulle quali scaricare  rabbie e  frustrazioni di quanti vedono solo nella violenza l'attenuazione delle proprie disperazioni.
E' solo un'ipotesi, ma dannatamente credibile. Occorre tenerne conto per dare una svolta alla richiesta dei sacrosanti diritti che da anni inutilmente chiediamo. Sacrosanti diritti per tutti, gay e immigrati.

venerdì, maggio 28, 2010

28 Maggio

Eccomi finalmente a casa. Sono giorni un po' frenetici, per cui sto trascurando il blog e persino i bloggers amici. Gli impegni si moltiplicano, simpatici per lo più, ma richiedono ugualmente tempo che, ovviamente, non basta mai . Ci sono naturalmente anche quelli più noiosi e pesanti, ma per quello è un altro discorso e comunque non si possono evitare. La sera poi, nonostante le continue sollecitazioni, non ho più voglia di uscire. Speriamo che con la bella stagione cambino anche i miei bioritmi.Da oggi poi ho un pensiero in più che so già mi procurerà ansia ed insonnia per alcuni giorni, fino allo scadere dei termini necessari.Si tratta di una proposta decisamente allettante dal punto di vista pratico, conveniente anche, ma comporta un cambiamento non da poco nella mia vita lavorativa e non so se sono pronto.Probabile che cercherò come il solito un compromesso, se possibile,per non sconvolgere radicalmente la mia natura abitudinaria. Si vedrà, per ora e per tutto il prossimo ponte cercherò di non pensarci che è meglio.
Ho appena dichiarato che la sera resto volentieri a casa, ma già stasera sono costretto a scegliere tra due cene in cui mi sono lasciato coinvolgere senza che potessi esprimere un parere. Il guaio è che sono in località decisamente lontane tra loro, per cui non posso nemmeno pensare di presenziare ad entrambe, da amante del compromesso quale sono.Dipendesse da me, cancellerei qualsiasi impegno di vita sociale per dedicarmi all'unica attività che mi appaga totalmente (v.foto), ma come si fa?
Accantonate le mie sciocche preoccupazioni, oggi, 28 maggio, a 30 anni dal suo assassinio è doveroso ricordare l'eredità di Walter Tobagi, un valore da custodire.

mercoledì, maggio 26, 2010

"Tirami su" (spot)

Le bugie del Governo Berlusconi vengono al pettine :la manovra sarà di 24 miliardi di euro, contro i 5 sbandierati soltanto lo scorso aprile...  "Peccato che se ne siano accorti tardi. Bastava fare due conti già a novembre – e su questo giornale li abbiamo fatti più volte – per capire che il governo aveva mentito all’Unione europea e agli elettori. Non soltanto nei comizi, ma nei documenti ufficiali che prevedevano una crescita del 2 per cento nel 2010 e idem nel 2011.
Sarebbe stato il nuovo miracolo economico, un boom mentre il mondo crolla." (l'AnteFatto) .
C'è chi, nonostante tutto, continuerà a credere nelle favole, perchè non ne può fare a meno.
C'è chi invece si porta avanti e, prevedendo tempi di magra, ha già provveduto ad autocelebrarsi con un bel monumento a Pontecagnano Faiano (SA). Il pensionando Gerardo Pierro, arcivescovo di Salerno (subito soprannominato l'arcivescovo "di pietra"), ha inaugurato la sua statua al Seminario locale prima di lasciare l'incarico al successore.
Cosa ci lascia più attoniti ed increduli, la prima o la seconda notizia?
Quello che ci salva, noi popolo gayo, è una sana autoironia!
 

martedì, maggio 25, 2010

Arrivano i sacrifici

Ci toccano sacrifici. Tanto per cambiare."Ci saranno sacrifici molto pesanti, molto duri che siamo costretti a prendere, spero in maniera provvisoria per salvare il nostro Paese dal rischio Grecia. Capiamolo così e ci capiamo tutti". Naturalmente i sacrifici toccheranno ai soliti, alla gente normale. Chi fa parte di una delle tante cricche del Paese nemmeno verrà sfiorato dalla nuova manovra economica. Quanto scommettiamo?
Il 28 maggio di 30 anni fa veniva ammazzato il giornalista Walter Tobagi. La sera prima, al Circolo della stampa di Milano aveva detto:«È vero, c’è un imbarbarimento della società italiana che tocca tutti, ma sappiamo come nasce, e non possiamo meravigliarci ogni volta che ne scopriamo gli effetti... dobbiamo impedire che si propaghi».
Sono parole di 30 anni fa, ma sembrano pronunciate  ieri: in Italia tutto cambia per restare esattamente come prima. Ora si vuole imbavagliare la stampa: cambiano i metodi, ma tutto, purtroppo, resta sempre uguale.

lunedì, maggio 24, 2010

Lunedì

Oggi non ho voglia di scrivere.  Mi godo il sole (senza mare,acc.).

domenica, maggio 23, 2010

Starting something good: Eurocampioni!

Ci sono tutte le premesse per una domenica meravigliosa. Ierisera la squadra di 2/3 dei nostri cuori si è laureata campione d'Europa, dopo il diploma nazionale della settimana scorsa. Lupetto fatica a contenere la gioia: il nostro bandierone già sventola sulla piazza ancora addormentata.Ci sono il sole e la prospettiva di una giornata finalmente all'aperto, al caldo, senza alcun immediato impegno pressante e stressante.
Oggi però è anche il 18° anniversario della strage di Capaci. Dimenticarlo sarebbe un'infamia perchè ancora, dopo tanti anni, la completa Verità  su quell'orrore stenta ad emergere e perciò Giustizia non è ancora stata fatta. Le connivenze tra mafia e apparati corrotti dello Stato godono ancora preoccupanti protezioni.Il che equivale a massacrare all'infinito le vittime di quel tragico 23 Maggio 1992 e con loro tutti i morti ammazzati dalle criminalità mafiose, nomi da non dimenticare.
Si può vivere sereni senza però fingere che tutto vada bene o cancellando dalla mente, anche solo temporaneamente, il male che c'è e che imperversa spudorato dentro e fuori i palazzi del potere. L'impegno civile non intacca la voglia di vivere, quando c'è consapevolezza del proprio dovere che comincia proprio dall'informazione cui i nostri solerti governanti vogliono imporre il bavaglio.
Avviene tutto questo, lo sappiamo, non lo dimentichiamo.
Lo stare insieme e godere reciprocamente di ciò che di bello la vita continua ad offrirci è il nostro modo di rispondere al marcio con cui dobbiamo fare i conti quotidianamente. Non c'è rassegnazione, non c'è ritiro alla passiva tranquillità privata: c'è piuttosto la voglia di riprendere completamente il controllo della nostra vita e della nostra storia, che è poi parte della più grande storia di questo Paese.
Buona domenica!

sabato, maggio 22, 2010

Nel tempo

Il tema proposto da Massi (v.post di ieri) mi trova particolarmente sensibile eppure, tra i possibili oggetti e ricordi ricevuti dal passato e che mi sopravviveranno, preferisco pensare qualcosa  che non c'era prima di me,  ma che resterà sicuramente da qualche parte dopo di me. E' il cipresso (v. foto sotto)che abbiamo in terrazza, che è con noi da 10 anni esatti. L'ho acquistato che aveva più o meno l'età dei cipressini da lui generati 6 anni fa , tre dei quali sono ancora con noi, mentre gli altri "già hanno preso altre strade" e svettano (beh, all'incirca 150 cm)  eleganti e solenni nei giardini di amici.Questa primavera a sorpresa ne è nato un altro, che ora è  poco più di 4 cm. L'idea che il "mio" cipresso, essere vivente secolare, mi sopravviverà mi emoziona tantissimo. Prima o poi avrà una dimora definitiva in un bel giardino, il "nostro" giardino e continuerà a testimoniare, pur muto, questi nostri meravigliosi anni a chi resterà nel tempo. 
Grazie alla recente Legge regionale che lo consente, i miei compa sanno già che ai suoi piedi, vicino alle sue radici, dovranno essere deposte le mie ceneri. Adesso è un po' patito perchè la vita in vaso non è certo l'ideale, ma anche col mio contributo (eh eh,jaja) diventerà magnifico. Quest'idea mi elettrizza, insieme alla certezza che qualcosa che continuerà a parlare di me nella storia resterà. Ovviamente la storia delle persone che mi sono care. E' il testimone che ci passeremo, finchè il ricordo di noi si perderà nel tempo. Mi piace troppo!

Non mi piace invece la mia imbranataggine informatica. Volevo stupirvi con una sorpresa, ma dovete attendere perchè Lupetto, l'unico in grado di aiutarmi, è fuori e comunque oggi è troppo eccitato per via della partitona di stasera (In bocca al... lupo!)per chiedergli di concentrarsi. Abbiate pazienza, intanto spero di aver creato un po' di aspettativa.
La primavera è esplosa finalmente e domani siamo a pranzo dai genitori di En, il mezzano. Nessun evento da festeggiare, se non appunto il via della bella stagione con una ricca grigliata all'aperto in compagnia di  tanta gente simpatica. A presto!

venerdì, maggio 21, 2010

Rilancio

Oggi è giornata di ritorni. Torna a casa Dino,dimesso con un giorno d' anticipo dalla clinica in cui s'era ricoverato per un check-up completo (attendiamo gli esiti) e torna , finalmente ristabilito come nuovo, anche il nostro danetto. Quindi in almeno due case gaypadane stasera si festeggia con certezza. Di solito sono le cattive notizie  a tener banco, per cui vale la pena diffondere le poche buone, anche se private.
Massi non solo ci segnala l'imperdibile post "Da domani anche tu" di Concita De Gregorio, ma lancia anche un' interessante iniziativa che può riguardarci tutti: "ciascuno racconti, nel suo blog o in quello ospite di uno di noi che intende partecipare al progetto, la breve storia di qualcosa che è importante o che lo è stato. Di qualcosa che gli è stata trasmessa, donata, che ha ricevuto in lascito o che ha conquistato. Ma che sia qualcosa che gli preesisteva e che molto probabilmente avrà una sua storia che andrà anche oltre la sua vita. Raccontatela come e dove volete ma diamo il via a una cosa corale, a una comunanza di impegno e intenti. ".L'idea nasce dalle riflessioni di Pier su un commento di Oscar ed è l'ulteriore prova che attraverso il web non solo si può partecipare il proprio mondo agli altri, ma che è possibile anche creare una sorta di storia comune di  rivelazioni, sensazioni e ideali che vanno ben oltre noi stessi e che è la base per pensare  un futuro condiviso, decisamente diverso da quello che i nostri governanti hanno in mente per noi.
Per riuscire a cambiare la realtà occorre cominciare a sognare insieme, mettendo in comune le emozioni che accompagnano ed in certi casi anticipano le nostre idee. Io oggi non riesco a concentrarmi come dovrei, lo ammetto, perchè ho la testa già a stasera, per cui rimando il racconto del mio "testimone importante". Aderisco però fin da subito all'iniziativa massina invitando tutti i lettori a fare altrettanto.
Buon inizio di week end!

giovedì, maggio 20, 2010

Via con la ranza

Uno dei tanti vantaggi della bella stagione è che posso fare a meno del barbiere,il che, coi tempi che corrono, equivale ad un risparmio non del tutto insignificante.Provvedo autonomamente al taglio  con una strategica, comoda ranzatura (da ranzare, cioè "falciare" in comasco. Ranza è la falce).Per ora è ancora primaverile, fatta con l'apposita macchinetta, ma tra poco più di un mese potrò esibire una testa liscia come quel bel culetto qua sopra che appartiene ad un novio (le belle mani sono ovviamente di un altro novio). Oggi, non so com'è, mi piace l'idea di mostrare qualcosa che lasci intuire la bellezza dei miei compa. Di solito le poche foto pubblicate scivolano via nell'anonimato, come dev'essere. Stavolta però voglio lasciarmi andare un po', raccontando al mondo intero (si fa per dire) che mi piacciono proprio i novi e che ancora, dopo tanti anni, mi sciolgo davanti ad un loro sguardo, ad una loro parola. Se poi mi sfiorano... beh, non mi controllo più. Con En, il mezzano, tra pochi giorni saranno 23 anni di vita condivisa, nel bene e nel male. Non festeggeremo perchè la coppia originaria non esiste più, ma non si può
ignorare che il presente è frutto di quel dolcissimo, ma lontanissimo maggio. Chi poteva prevedere allora che ci saremmo naturalmente evoluti in troppia?Nemmeno  immaginavamo il futuro della nostra relazione.Già ero sconvolto dall'essermi scoperto innamorato di un uomo,figurarsi l'idea di costruire insieme a lui  una storia!La mia radicale insicurezza e l'entusiasmo incrollabile di En, combinati insieme, sono forse il segreto della nostra durata nel tempo. Oltre che la passione naturalmente, senza la quale non ci sarebbe stata quella continua attrazione reciproca che ci ha tenuti legati anche a dispetto delle incomprensioni e degli  scontri caratteriali.L'entusiasmo per la vita di En ora è messo a dura prova, perchè deve fare i conti anche con Dan che, per molti aspetti, è  più simile a me.Il giovane, dalla personalità tutt'altro che docile, ha  sconvolto le nostre vite  rimettendo in gioco prepotentemente le dinamiche relazionali con un'impronta personalissima, non sempre facile da assimilare.Gli scontri tra le diversità sono ormai elevati al cubo e qualche traccia rimane qua e là nel blog. Anche la passione è però al cubo. Ho già scritto che mi basta vederli ballare per perdermi completamente: è mai possibile? Il peggio è che in questi giorni di forzata lontananza ho scoperto che subisco lo stesso effetto via cam , nemmeno dal vivo! Lo so,sono un drogato d'amore, questa è la verità. Ma non voglio essere recuperato. Ranzatemi tutto ma non quello! Jajaja, aggiungerebbe Thiago.

martedì, maggio 18, 2010

Adotta un finocchio: l'Amore vince l'odio.Sempre

Dino lamenta l'imperversare di certa politica sul web, che riesce a primeggiare sui motori di ricerca persino quando si digita direttamente  lo slogan gayo "L'amore vince sempre sull'odio". E' una prerogativa della politica italiana quella di eccellere nelle parole. Solo in quelle però, perchè nei fatti ormai un abisso la divide dalla gente comune.
Tra le tante iniziative  contro l'omofobia, mi è piaciuta a pelle "Adotta un finocchio" del Comitato Provinciale Arcigay Omphalos Perugia. Sarà che sono agricolo dentro per cui ho una certa sensibilità per la natura  e le sue potenzialità pedagogiche, l'idea di affidare delle piantine da accudire e crescere giorno per giorno mi sembra fantastica, perchè impegna l'affidatario concretamente.E poi, una volta prodotto il frutto, ci sono i semini da distribuire... Ed è proprio così che si diffonde una mentalità: con determinazione, pazienza e tanta buona volontà. Ma anche speranza e fiducia nel regolare corso della natura.
Il fatto che l'iniziativa del finocchio si sia svolta in concomitanza della Marcia della Pace Perugia-Assisi è un motivo in più per coltivare ottimismo, perchè ha sicuramente trovato terreno fertile tra i tanti convenuti nel capoluogo umbro.
Un po' alla volta le cose cambieranno, perchè il sole torna sempre a splendere dopo le piogge.
Dan ormai è in via di guarigione. Oggi En dovrebbe constatarlo di persona, ma i continui contatti video già rassicurano. Ora scappo, che sennò faccio tardi. Buona giornata a tutti!
 
 

lunedì, maggio 17, 2010

No omofobia

"Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio". (J.M)