venerdì, febbraio 22, 2008

Sesso senza sentenze



Si galoppa verso la primavera, ma sono giornate piene per tutti e tre. Anch'io fatico a trovare il tempo e la lucidità per aggiornare il blog che è diventato, al di là dei commenti, le segnalazioni ed i pensieri (o le farneticazioni), la "certificazione" che ci siamo e che quindi ciò che stiamo vivendo non è qualcosa di straordinario o frutto di fantasia, ma la nostra realtà quotidiana.Forse anche per il carico di impegno lavorativo che ci sta sfiancando, non abbiamo da segnalare turbolenze o litigi che sono abbastanza consueti in qualsiasi famiglia. Persino la triplice diversità caratteriale non sta producendo scintille o conflitti che pretendono di essere affrontati e superati. Siamo in un periodo di serena bonaccia, i cui effetti potrebbero però generare la pericolosa routine, terrore di ogni coppia/troppia affiatata. Si dice che l'abitudine sia la peggior nemica dell'amore. Probabilmente è vero se ci si abbandona passivamente, smettendo, anche solo per pigrizia, di alimentare l'amore nella convinzione che viva di vita propria, meccanicamente, senza coinvolgimento attivo di fantasia e creatività. Il sesso è imprescindibile in qualsiasi relazione d'amore: da solo non basta, ma sicuramente è fondamentale. Non occorre tirare in ballo Freud per provarlo. Anche al sesso però ci si può abituare. Occorre quindi reinventarlo continuamente, ma è abbastanza facile quando, stabilita una profonda conoscenza dei compagni, si può andare a colpo sicuro, certi di procurare piacere. E' stimolante però anche spingere sempre oltre, attraverso la scoperta, il gioco del piacere, perchè in amore non ci sono limiti e nemmeno perversioni. Basta il buon senso.
Una recente sentenza delle Corti unite di Cassazione (la N. 7208 UD. 29/11/2007 - depositata il 14/02/2008 ) definisce disonorevole il rapporto omosessuale tanto quanto l'incesto. Per noi si tratta di un evidente autogoal del legislatore da recuperare il più velocemente possibile, mettendo mano alla giurisprudenza. Potrebbe essere la via più spedita per ottenere finalmente ì diritti più elementari.

4 commenti:

nonsoloattimi ha detto...

Bisognerebbe ricordare, ai molti che spesso se ne dimenticano, che l'amore è universale... nessuno, tranne le solite convenzioni che ormai ci hanno anche un po stufato, ha mai stabilito cosa e chi sia giusto amare...l'amore dovrebbe essere una delle poche cose che non si possono volutamente indirizzare... è spontaneo e naturale, non importa chi sia l'oggetto del nostro amore, la parola stessa... AMORE...dovrebbe gia da sola darci tutte le risposte!

nonsoloattimi ha detto...

scusatemi... ma presa dal discorso che mi infervora sempre, mi sono anche dimenticata di salutarvi...
smack smack smack

l. r. carrino ha detto...

ma come sfaccimma fate?
io esterrefatto.

state avanti voi, un bel po'.

Los 3novios ha detto...

Ehi, Gino, benvenuto anche qui!