sabato, maggio 31, 2008

Fede in quale Dio?


Condannato ad 8 anni per violenza sessuale ai danni di persona all'epoca dei fatti minore. Questa la sentenza di 1 grado nei confronti di don Mauro Stefanoni (alias Aka Sborra Boy, uno dei tanti nick usati nelle chat) , ex parroco di Laglio, che dovrà anche risarcire 180.000 euro alle parti civili. Lui, da Colico dove pare continui a gestire l'oratorio, insiste nel negare l'accusa, proclamandosi innocente vittima di un complotto. L'ex vescovo Maggiolini, a sua volta iscritto nel registro degli indagati per aver rivelato all'ex parroco le indagini in corso, ha tuonato dalla sua "ex" cattedra contro i magistrati, secondo la prassi ormai consolidata che quando si è accusati è meglio attaccare che difendersi, soprattutto quando si è colpevoli.

Naturalmente tutta la Comobene e l' Opus Dei che governa la città, la Provincia e la Regione, si è stretta intorno all'emerito prelato (non si tratta di un insulto, ma del titolo che gli compete dopo il pensionamento), imponendo ai media locali (e non solo) la difesa ad oltranza del giovane sacerdote pederasta.

Perchè questi nuovi strali maggioliniani? E' abbastanza ovvio che la pubblica scoperta di una mela marcia nel proprio cesto, specie quando sempre esibito come il migliore, è un grosso smacco, ma non è più umano, evangelico persino, riconoscere che anche gli uomini di chiesa possono sbagliare? Non è più umano ed evangelico chiedere piuttosto perdono per il male fatto ad una persona e alla sua famiglia, anzichè accusare, approfittando del ruolo e del pulpito, chi ha svolto onestamente il proprio lavoro fino in fondo? Le certezze assolute (in tutti i campi) esibite dall'ex vescovo lariano lasciano perplessi, specie quando clamorosamente smentite dai fatti. Sicuramente non appaiono testimonianza credibile di quel Dio in cui sostiene di credere.
Straordinaria e di ben altro tenore è invece la recente riflessione dei Gesuiti sulle coppie gay : sarebbe giustificabile la scelta dello Stato di riconoscere il legame tra persone dello stesso sesso. E' già un grosso passo avanti. Da approfondire.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

nella mia educazione uno dei valori che mi e' stato insegnato e' l'assumersi le responsabilita' delle proprie azioni riconoscere il proprio errore e rispondere di esso.
Oggi sembra invece dilagare la mancanza di assunzione di responsabilita', e quando a farlo sono appartenenti al clero la cosa lascia alquanto perplessi.
Il Dio al quale si sono consacrati attraverso il sacramento dell'ordine, certo non approverebbe comportamenti come quelli di Don Mauro e tantomeno il tentativo del vescovo emerito di Como Maggiolini,che ha tentato di aiutare Don Mauro a sfuggire alla sue resposabilita'.
Un uomo di Chiesa dovrebbe dire" eccomi ho sbagliato, sono pronto a pagare per le mie colpe"...
Credo che dai GESUITI si debba molto inparare e ci si debba aspettare molto, ed il rientro definitvo del Cardinale Martini in italia, in provincia di Varese, ufficialmente per ricevere piu' adeguate cure, non sia del tutto casuale.
Se non ci fosse per loro il quarto voto:" fedelta' al Papa" credo avrebbero fatto e detto molto di piu', Dav

nonsoloattimi ha detto...

Bentornati ragazzi e auguri anche a voi per il pc... finalmente ;)
vi voglio bene... siete bellissimi!!!

La Donna Cannone ha detto...

Non solo nell'assumersi la responsabilità delle proprie azioni, ma anche nel non violare la vita altrui e non giocare con doppie personalità micidiali.
Che schifo (ma non ci meraviglia, perchè non è il primo e non sarà l'ultimo)

PS: Vi ho mandato una mail...

Ciao buona domenica e spero che la sfiga del post precedente sia solo un ricordo

Anonimo ha detto...

Concordo pienamente con tutto quanto è stato detto da Dav.

Aggiungo però, non certo per giustificare il comportamento di don Mauro, che purtroppo in quasi tutte le persone nel momento del pericolo è facile che venga fuori l'istinto di sopravvivenza, spesso con tale intensità da soffocare qualsiasi "correttezza dell'uomo e del ruolo".
Meno accettabile è a mio giudizio il comportamento di tutti gli altri che hanno cercato e cercano di coprirlo.
Saluti.Dino

Anonimo ha detto...

Conocrdo con te Dino, e' naturale che una persona si difenda, quello che lasci perplessi che le Gerarchie ecclesiasitiche nel caso il Vescovo Emerito Maggiolini, assumano sempre un comportamento "omertoso" e certamente non in linea con gli insegnamenti del Vangelo, peccato veramente un gran peccato....
Dav

Angelo ha detto...

"Meglio sarebbe per costoro (leggi:tipi come "sborra boy") non essere mai nati" disse Gesù. Dicendo poi che una macina da mulino al collo e giù nel mare è quello che si meritano.
Altro che "comprensione"!