venerdì, novembre 02, 2007

'A livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.
(...)
Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"(Totò)

Uguali finamente nella morte.
Il ragazzino suicida a Ischia, perchè preso in giro dai compagni per il troppo studio, la donna seviziata a Roma, don Benzi, fondatore di comunità.
Dovremmo pensare più spesso alla morte per evitare, fin dove è possibile, sti ppagliacciate che riusciamo a fare solo noi vivi:
"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

1 commento:

Olmo ha detto...

...Purtroppo per noi che restiamo si che non sono tutti uguali i morti... mi chiedo perchè quest'ondata di indignazione che è venuta su dopo i fatti di Tor di Quinto... non viene su per tutte le altre donne che vengono uccise (quest'anno in Italia le statistiche dicono una ogni tre giorni)dai fidanzati, mariti compagni...
La domanda è ovviamente retorica:
è così comodo, rassicurante sapere chi è il nemico, e dargli addosso...
Eh, meglio leggere la livella, và...
Ciao