martedì, aprile 20, 2010

Coppia: il punto di vista "etero"

Dall'Olanda  G. interviene nel dibattito,iniziato tempo fa e sempre aperto, sulla coppia (Verso quali modelli?,etc). Ho aspettato a pubblicare il post per dargli il tempo di rientrare dalle vacanze pasquali e seguire così gli eventuali sviluppi.

Parto  da una frase nel primo vostro script
"Diventa forse   più urgente che mai discutere quali modelli di relazione sono oggi percorribili nell'universo gayo, non solo per la credibilità necessaria ad ottenere il consenso sociale, ma anche per la vita stessa della coppia, troppia o altro. Una volta finalmente affrancati dal modello etero. Naturalmente.".
Individuo tre punti:
modelli di relazione per ottenere la credibilità necessaria ad ottenere il consenso sociale
modelli di relazione per la vita stessa della coppia, troppia o altro
Affrancamento dal modello etero.
Sono confuso.
Ammetto che esistano modelli predefiniti in una relazione uomo-donna, ma più che modelli, che è un termine positivo, preferirei denominarli cliché. Mi spiego: nella relazione uomo-donna ( non sentirete mai da me il termine “ tradizionale “ associato a questo tipo di relazione), che piaccia o no ammetterlo, dei ruoli predefiniti esistono: la vecchia separazione dei ruoli: l’uomo nei campi, la donna a casa, si applica ancora, anche se in maniera più sottile, ovviamente. Ma questo, insieme alle aspettative sociali sui ruoli all’interno della famiglia, ha solo complicato le cose. Molte donne lavorano oggigiorno, ma ciò non evita che sia la moglie, più che il marito, a occuparsi anche della famiglia e dei figli. Ne viene fuori un rapporto squilibrato, e dunque carico di tensioni e stress. Il modello esiste, ma aderire a questo modello diventa sempre più complicato: la società si aspetta e assegna un ruolo più autoritario (il capofamiglia) all’uomo, ma cosa succede se la donna ha una posizione professionale uguale, se non superiore all’uomo ?
Fin qui ho detto solo cose scontate. Il punto è, cari EnSerDan, che secondo me, meno si fa riferimento a modelli, meno ci si fa condizionare, più spazio c’è per disegnare e condurre il proprio modello, quello che più si adatta alla propria situazione. In altre parole, i modelli in questo campo li vedo più come un capestro piuttosto che uno schema che semplifica il corso delle cose, o della vita stessa. Per loro stessa natura, i modelli esistenti fanno fatica a cambiare, ad adattarsi a nuove realtà, finendo così con l’essere obsoleti e poco flessibili.
Sposando mia moglie, sapevo più o meno cosa avrei desiderato dalla mia vita di coppia. Alcuni partono dall’esempio fornito dai propri genitori, altri cercano di non ripetere gli errori che secondo loro i genitori hanno commesso; comunque, ognuno ha in mente un proprio modello, un proprio ideale. Il resto è impegno, fatica quotidiana, dialogo, entusiasmo etc. etc. etc. Le aspettative della società ? A volte il modello realizzato in casa riflette quello che la società si aspetta, a volte no, ma importa di più aderire a un modello altrui o essere coerenti con il proprio modo di vivere la vita ?
C’è davvero bisogno di un modello, dunque ?
Detto questo, entro ora in un campo minato: credibilita’ necessaria ad ottenere il consenso sociale.
Scusate non vi seguo: se due (o tre) persone si amano, la credibilità è/dovrebbe essere un diritto automatico. Di cos’altro dovrebbe avere bisogno la società per riconoscere il consenso sociale a una coppia (troppia) ? Aderendo a quali modelli la società garantirebbe il consenso ? Ai modelli in cui la coppia (troppia) si riconosce ? O quelli che la società imporrebbe, e la coppia (troppia) magari è costretta ad accettare a denti stretti ? Certo, sono ben al corrente del fatto che nella società odierna ci sono ali di pensiero decisamente omofobe.
Soltanto, non sono sicuro, o forse non mi è chiaro, con quale tipo di modello si possa far cambiare idea a questa gente. Forse interpreto male ciò che avete scritto, ma ritengo che la credibilità vada conquistata mostrando il proprio modo naturale di essere, con serietà e determinazione, tutto qui. La parola chiave è “ naturale “. Sono un sognatore, forse, senz’altro una persona che non riesce a capire le posizioni omofobe: io se vedo due persone che si tengono per mano mi intenerisco, non sto a puntualizzare se appartengono allo stesso sesso o no. Ritengo altresì che l’omofobia rifletta una tale chiusura mentale da non permettere deroghe, neanche attraverso l’adesione a determinati modelli.
In altri paesi (Inghilterra), meno soggetti ai ricatti religioso/politici che conosciamo bene, la gente vive il proprio modo di essere in modo più naturale e assertivo: “ io sono così e non faccio male a nessuno; se ti sta bene, OK, può esserci dialogo fra noi, se non ti sta bene, è un tuo problema, via dalla mia strada “. Questo modo di porsi, a lungo andare, ha permesso di considerare gli universi di relazione in modo più ampio che da noi. È sempre la stessa storia: la prima donna in pantaloni ha fatto scandalo, la prima minigonna pure, giorno dopo giorno, però, il mondo si è abituato.
Certo, e’ piu’ facile a dirsi che a farsi, lo so bene, voi che ne pensate ?
Vorrei sviluppare ulteriormente questi temi, e mi riprometto, se vi va, di proseguire con questa analisi. Mi piacerebbe anche avere qualche feedback da voi, sempre se vi va.
Con Stima e Simpatia
G.

5 commenti:

Pier ha detto...

"modelli di relazione per ottenere la credibilità necessaria ad ottenere il consenso sociale" (cit)

perchè?

credo che vi siano due aspetti, quello sentimentale e quello normativo, penso alla bigamia dei mormoni, alla monogamia dei cattolici, agli arem dei sultani, etc. ogni società ha costruito regole comuni, tradizione e religione le hanno santificate. La società cambia le persone modificano il tipo di relazione, ogni gruppo, coppia o troppia trova un equilibrio. Le culture evolute adeguano la normativa a questi mutamenti, le altre (leggi l'Italia cattocentrica) NO.
Se a livello normativo c'è rigidezza, anche l'accettazione del mutamento non regolamentato ha delle ripercussioni negative a livello sociale.

I'M SO GUY ha detto...

Una volta vi avevo chiesto dove trovavate tutte queste belle foto "artistiche" da mettere nel vostro blog.... :p :p ... ma non m'avete fatto sapere! :p :p :p ...aspetto info! kiss belli!

A Piedi Nudi Nel Parco ha detto...

Quoto: "La società cambia le persone modificano il tipo di relazione, ogni gruppo, coppia o troppia trova un equilibrio. Le culture evolute adeguano la normativa a questi mutamenti, le altre (leggi l'Italia cattocentrica) NO."

Ma la società chi è se non le persone stesse? Quando le leggi non si adeguano è anche perché evidentemente la cultura (quindi le persone ed i cambiamenti che esse introducono) non si adegua.
Forse ho avuto troppa fortuna, nata da madre anglosassone e padre italiano, ho vissuto molto nei paesi del nord e del sud Europa, quindi vedo le cose in modo molto "britsh", ovvero io sono me stessa e se ti va bene ok altrimenti amen. I modelli ritengo servano a chi non riesce a trovare la "sua" dimensione personale, sia esso un singolo o una coppia o troppia. Quando ci si sente prigionieri di modelli è perché in realtà non seguiamo ciò che siamo o vorremmo essere. Se una coppia gay desidera vivere secondo un "modello etero", creando ruoli predefiniti e ci si trova a suo agio, sentendo che è quello che vuole, nulla di male. Conosco coppie che lo fanno e si trovano bene. Altre, etero, non ci stanno dentro a vivere secondo il "loro" modello, persone in cui è il padre a volersi occupare dei figli chiedendo pure di stare a casa, con la madre che vorrebbe lavorare e lascerebbe volentieri la delega al marito. Loro in che "modello" li mettiamo? I "modelli sono solo proiezioni culturali a cui crediamo di dover tendere per adeguarci a ciò che "crediamo" la nostra cultura ci spinge. A volte diviene una lotta per la sopravvivenza uscire da un modello, altre una liberazione, soprattutto per chi non desidera esporsi.
Non so se sono stata chiara... magari è un po' confuso, ma è ciò che credo io.

Anonimo ha detto...

Per me lunga e difficile da rispondere. Io penso che la società imponga certamente un certo stereotipo.. a cui la maggior parte delle persone si adegua, per poi far tutto di nascosto. Cerco di spiegarmi con le mie parole. G. ha detto che è difficile per una donna che lavora e si fa carico essere Donna.. e non voler prevaricare L'uomo. Intelligenza e giochi si ruoli. L'uomo dovrebbe essere sempre Uomo e io ne sono sempre stata convinta. Ho iniziato a lavorare a 14 anni e chi era più indipendente di me? Mai ho voluto , pensato e penso che voglia un ruolo di comando ..ma forse non ci siamo chiesti che in tante coppie L'uomo ha lasciato i suoi ruoili per comodità.. E che anche nella coppia Gay io penso ci sia il ruolo predominante e meno.. basta rispettarsi.. penso sia la base di tutto.. il rispetto e l'intelligenza--Un bacio ragazzi , scusate se non mi sono spiegata bene,,ma io non ho studiato.. Barbara

varesex ha detto...

Questo è un post da leggere con attenzione e pazienza (abbastanza lungo) e questo non è per me il momento ideale....ritorno per non perdermi neanche una riga di quel che c'è. Baci