mercoledì, aprile 28, 2010

Niente sprechi

Appena tornato da Milano ho cominciato a spadellare e non ho ancora finito. Ho giusto il tempo di una pausa sigaretta-pc, poi riprenderò la  corvè culinaria. Niente di speciale stasera: polpettone per recuperare l'arrosto di domenica, visto che qui nessuno eccetto me mangia avanzi, in una mia ennesima, nuova ,personalissima rivisitazione (arrotolato) e, a seguire,  la versione veloce del cous cous,  che ha avuto tanto successo non molto tempo fa (A proposito, i pomodorini confit richiedono sulle 2 ore di forno a temperatura bassa, perchè devono asciugarsi dolcemente). Così En , il più difficile da accontentare nonostante neghi spudoratamente, stasera non farà storie. Credo che lui sia uno dei pochissimi adulti che conosco che, di fronte ad un piatto non gradito, sfacciatamente, senza alcun rimorso,preferisca destinarlo direttamente alla spazzatura, piuttosto che fare un piccolo sforzo mangiando . E' una situazione cui non riesco ad abituarmi e naturalmente preferisco consumare avanzi per un'intera settimana piuttosto che assistere allo spreco. Fosse almeno facilmente accontentabile il mezzano, invece: "Questo no, quell'altro no, questo è così, quell'altro è cosà". Insomma, checchè ne dica, è estremamente viziato in fatto di cibo. Sicuramente il più snob di tutti noi.
Eppure non è necessario aver provato la fame per diventare più disponibili ed adattarsi a "quel che passa il convento". La povertà c'è e si vede intorno a noi e anche un po' più lontano. C'è addirittura miseria, c'è fame. Già questo non può giustificare i nostri sprechi solo perchè siamo nati dalla parte "fortunata" del mondo. Dan, si sa, esclude dalla sua dieta solo le verdure cotte di ogni tipo.Lupetto è davvero l'unico un po' sensibile all'argomento e mangia di tutto pur di non  dispiacere il cuoco di turno. Si rassegna anche di fronte ai quintiquarti che annuncio e che poi, salvo la coda alla vaccinara, non cucino mai. A me, appunto, toccano gli avanzi per giorni e giorni...E, comunque,riciclo tutto o quasi con fantasia e passione (spesso anche inventando piatti per l'inconsapevole famiglia).
Vabbè, ora che mi sono sfogato sono anche in dirittura d'arrivo: il cous cous è pronto per il frigorifero (si serve freddo), mentre il polpettone sta per essere infornato. Rinnovo come sempre l'invito a chi si trovasse a passare di qua: ormai ho svelato che eventuali ospiti diminuirebbero la possibilità di avanzi, ma naturalmente non è l'unico motivo.

8 commenti:

Lorenzo ha detto...

Peccato la distanza... altrimenti verrei volentieri a cena da voi. Buona serata all'allegra famiglia !

P.S. Anch'io odio gli sprechi, in famiglia cerchiamo sempre di non buttare via il cibo.

Majin79 ha detto...

Ti sento sempre impegnato dietro i fornelli... ogni volta con una ricetta nuova e bravo :) certo non ti manca impegno e fantasia in cucina e a giudicare da come ne parli ho la vaga sensazione che anche il risultato sia sempre (o quasi) all'altezza... io al contrario sono a dieta, che tristezza :(

SkraM ha detto...

guarda non preoccuparti se loro non mangiano manda tutto a noi con corriere espresso :D

io mangio tutto tranne che il pesce e alcune verdure

Anonimo ha detto...

Anch'io odio gli sprechi e cerco di non buttare mai via niente! Generalmente sto molto attenta alle porzioni, in modo da non lasciare avanzi, ma quando capita cerco anch'io di riciclare il cibo (in effetti le polpette sono sempre un'ottima soluzione per recuperare carne avanzata già cotta!)
Soprattutto ciò che non tollero è gettare via il pane: il pane raffermo cerco di utilizzarlo in altri modi...
perchè ritengo che sprecare il cibo sia davvero un insulto a tutta la gente che muore di fame nel mondo. :-(

Buona serata a tutta la famiglia ^_^
Katia

Oscar ha detto...

il grande cuoco si riconosce dall'arte di riciclaggio creativo degli avanzi!

Barone ha detto...

Totalmente d'accordo con Oscar: è dove la fantasia viene messa a dura prova con materie prime non troppo appropriate che si vede se alla passione per la cucina corrisponde anche una grande bravura (e qui mi pare che ci siamo proprio).
Io non sopporto nè gli sprechi di cibo nè i "capricci" sul cibo, ma questo probabilmente deriva da una rigida educazione in tal senso: io e mia sorella dovevamo stare seduti a tavola finchè non finivamo quello che c'era nel piatto, senza se e senza ma.
Oggi, a parte pochissime cose che non ci piacciono (i gusti sono gusti), mangiamo pressochè tutto e siamo naturalmente curiosi di fronte a pietanze che non conosciamo.
Vista la mia vicinanza a voi, prima o poi prenderò coraggio ed accetterò un vostro invito, perchè la vostra famiglia è un esempio per tutti noi, e mi piacerebbe davvero conoscerla più da vicino.

IceHeart Princess ha detto...

Neanche io vado pazza per la robaccia verde cotta. E' proprio un'antipatia cromatica. Però ora che sono a dieta sto obbligandomi a mangiare un pò di verdure. Ieri per la prima volta ho mangiato i fagiolini. Se chiamo mia madre e glielo dico si emoziona :). Nemmeno la vostra cagnetta ti aiuta con gli avanzi?

Anonimo ha detto...

Neanche io riesco a trangugiare il pesce (quello marino). per imparare a mangiare tutto ricordo le lezioni di mio padre che mi ficcava la testa dentro il piatto sentenziando "mangia che sei solo un mangia e caga".
ciao