lunedì, novembre 13, 2006

Ed è subito scandalo


Incerto se far finta di nulla o commentare la notizia, opto per la seconda ipotesi, dal momento che si tratta di un fatto che è già sulla bocca di tutti. In una scuola media di Nova M. che conosco indirettamente, una prof è stata sorpresa nuda con tre studenti (tredicenni), più due "guardoni" (leggi qui). Subito è scandalo: la scuola non sa neppure gestire in modo sano il tempo didattico. Ovviamente si generalizza e nessuno pensa alla periferia difficile che è Nova M., con ragazzi che imparano presto a vivere, dove gli episodi di bullismo anche violento sono all'ordine del giorno. Come in tutte le periferie e non solo. Viviamo in una società violenta, perchè stupirci? Fumo, canne, alcool e altro appartengono ormai alla quotidianità di molti ragazzini e, come il solito, chi è loro più vicino è l'ultimo ad accorgersene. E' la grave responsabilità, se accertata, della prof a disorientare. L'unica giustificazione possibile che posso immaginare è una qualche grave patologia. Aspettiamo gli sviluppi delle indagini, prima di cominciare il lancio delle pietre.
Comunque siano andate le cose, credo che la Scuola abbia ancora una sacralità che le deriva dal suo essere luogo di Cultura ed Educazione e se proprio non sa, avendo scarsi strumenti a disposizione, prevenire questo e altri mali, che almeno non profani se stessa, esponendo al pubblico ludibrio chi deve essere oggetto di attenzioni e cure. In presenza di reato è doverosa la denuncia, ma credo sarebbe stato più saggio invocare contemporaneamente la discrezione almeno in attesa di far luce sull'episodio.

4 commenti:

En ha detto...

Infatti Ser il problema sta proprio nelle periferie, nessuno fa niente nessuno vuole fare niente. Si che gli effetti violenti di queste periferie disorientate ed abbondonate si stanno vedendo un po ovunque (vedi Parigi) ma niente, a nessuno interessa.Anche questo caso verrà ricordato esclusivamente per lo scandolo in se.Scorreranno fiumi di parole ma poi alla maggioranza agiata poco interessano i disagi di "pochi". Proprio oggi a Milano, in una breve pausa di lavoro, ho visitato una mostra fotografica in ricordo di Fratel Ettore (l'amico degli "ultimi") a testimonianza di quanto ha fatto per i barboni ed i senzacasa milanesi. Il caso è diverso lo so ma lo spirito per affrontare i problemi potrebbe essere lo stesso....più si aspetta e violenza genererà altra violenza.

Los 3novios ha detto...

Ok lo scandalo c'e e tutti si sentiranno in dovere di essere indignati... Grave e il fatto ma a quei ragazzini non ci pensa nessuno? E sempre stato il mio desiderio essere sodotto da una prof o un prof a scuola; immaginavo tutto precisamente e piu volte! Non credo che quei ragazzi abbiano subito traumi dalla storia ma si porteranno il peso di quello che gli hanno creato sopra perche nessuno ha avuto la reale decenza di tacere un attimo per ragionare prima di vomitare critiche e considerazioni. Mentre aspetto mi godo i pensieri e le fantasie emerse di quei ragazzini..
perversion Dan

ser ha detto...

In effetti, moperv, non avevo pensato alla vicenda da "quel" punto di vista. Penso però sia meglio che certe fantasie rimangano sempre solo fantasie, ci guadagnano tutti: i ragazzini che manterranno l'immagine idealizzata della prof e la stessa prof che vivrà perennemente nei sogni degli ex studenti giovane ed irraggiungibile. Comunque adesso ho capito da dove deriva il tuo "assatanamento", eheh: vedi che è meglio lasciar correre la mente da piccoli senza passare ai fatti? Ne godranno poi anche i futuri compagni!

topolina ha detto...

Io mi aggrego a Dan, le mie prime cotte sono state tutte per mie insegnanti donne, la maestra, la prof di matematica alle medie, quella di matematica e quella di scienze al liceo...desideravo così ardentemente che la cosa fosse reciproca, che non mi ponevo problemi per il fatto che dal punto di vista loro sarebbe stato un "reato", se a me fosse capitato ne parlerei ancora adesso e ancor meglio non avrei il rimpianto di non aver soddisfatto quel desiderio (forse mi riferisco più al liceo che a prima, quando probabilmente l'essere ricambiata mi avrebbe turbata)...conosco una coppia sposata da anni in cui il marito era il professore 29enne della moglie che all'epoca aveva 17 anni...Insomma, molte volte si esagera a parlare di reato e si addita troppo facilmente...fatto sta che la questione di Nova Milanese è un po' più grave, si parla forse di un'orgia e comunque avvenuta tra le mura che dovrebbero essere dedicate solo alla cultura e all'educazione, e si parla di ragazzini delle medie poco più che bambini...
Concordo con Ser riguardo all'errore di sbandierare ai 4 venti il fatto quasi a voler gettare ancor più fango sul mondo della scuola che già è tanto additato...
Infine concludo asserendo che se prima ho supportato l'ipotesi che un giovane possa ardentemente desiderare una storia con la sua professoressa ora, trovandomi dal lato opposto, non concepisco che questo desiderio possa essere reciproco...dal momento che molti psicologi assimilano il rapporto insegnante allievo a quello mamma figlio; non trovo il senso nel ricercare questo rapporto incestuoso, non trovo significato, nè fascino in una cosa del genere e biasimo questa "collega" che poverina ha davvero tanto bisogno di aiuto...
Un docente deve docere, deve mantenere quel velo di mistero e quel muro di cristallo che separa il suo essere uomo o donna dall'essere un docente...deve avere le proprie emozioni e i propri sentimenti, ma nulla di ciò che fa deve in alcun modo essere frainteso dalla classe e soprattutto non deve avere un secondo fine...
Ciao a tutti...