lunedì, marzo 26, 2007

Raffa nazionale



Ehi, mi sono accorto che non abbiamo ancora proposto un omaggio ad uno dei miti di moEn: proprio lei, la Raffa nazionale! E' merito suo se ci siamo innamorati dell'Argentario che abbiamo poi frequentato per quasi un ventennio, conoscendo luoghi e persone straordinari. Vero è che tutte le mattine, prima di andare al mare (ed anche al ritorno) era d'obbligo il pellegrinaggio alle sue magioni per un attimo di raccoglimento, ma ne valeva la pena.Quando capitava di incrociarla poi...era un avvenimento! MoEn, come sempre davanti ai suoi miti, diventava un pezzo di marmo e toccava a me recitare il ruolo dell'ammiratore pur sapendo molto poco di lei e avendo quindi molto poco da dirle. Bei tempi comunque. I primi anni della nostra storia, moEn mi intratteneva con spettacoli che duravano interi pomeriggi e serate. Mi piaceva vederlo ballare e imitare il folle Zero. Non mi annoiavo mai e continuavo a chiedere bis, tris, etc fino a quando crollava sfinito. Oggi ho ancora nostalgia di quelle interpretazioni improvvisate solo per me. Anche a moDan piace cantare e ballare (beh, è ancora un po' legnoso, ma può contare su En che è un maestro straordinario e sa muoversi in modo sinuoso e sensuale), chissà se riuscirò a convincerli ad esibirsi solo per me... Per ora mi devo accontentare, le rare volte che si va in discoteca, di guardarli ballare confusi tra la gente sulla pista. E' un gran bello spettacolo e anche in quelle occasioni ho trascorso intere serate solo ad ammirarli. Forse che sono un voyeur e non lo sapevo?

2 commenti:

En - Tresnovios ha detto...

E si proprio bei ricordi Moser...e grazie alla Carrà abbiamo vissuto indimenticabili periodi in mezzo a gente di cuore, semplice in una casetta (un vecchia baracca ristrutturata e condonata) prorio di fronte all'Isola dell'incanto (Giglio). Ricordo con emozione le mie pause post doccia, all'imbrinure, in contemplazione di fronte ad un paesaggio che ogni sera sembrava diverso. Ricordo anche il tuo profumo quando ti avvicinavi anche tu con lo sguardo verso l'orizzonte. Non potevamo stare vicini, non eravamo soli, ma era come se lo fossimo....guardavamo nella stessa direzione e siamo arrivati fin qui!Certo hai dovuto sopportare qualche pellegrinaggio (tutti i giorni!)ma ne è valsa veramente la pena! In quanto agli spettacolini, ti ringrazio per i complimenti immeritati ma sai che per scimmiottare Zero bisogna essere un pò "donna" e come sapete a me viene facile.....eh eh Modan è masculo... Comunque abbi pazienza che ti faremo uno spettacolino mozzafiato. Modan, gli anni passano ed io ho appeso le scarpette al chiodo anche se qualche minuto lo reggo ancora, inizieremo insieme ma ora tocca a te, fiato e doti non ti mancano.....così per una volta contemplerò anch'io.

Los 3novios ha detto...

Ecco adesso scatto in fontanella.. uff sapete che sono emotivamente fragile e ci metto niente a commuovermi!
Quando i racconti mi toccano dentro, una serie di emozioni mi stimolano il pensiero; riesco a vedere, a crearmi in testa quei momenti che sono parte del vostro vissuto, che inevitabilmente mi trascino via.
Sono sensazioni particolari, che per essere onesti poche volte mi avete fatto vivere... sensazioni che in una coppia non si possono vivere, perchè non possono essere viste come l'evoluzione di un amore.
Per gli spettacolini tanto famosi io dovro ancora aspettare? Mai ho avuto il privilegio di assistere a un bello spettacolino di moen!!
A moser posso dare solo ragione: moen ha uno stile molto pulito e sensuale ma allo stesso tempo dolce (tranne quando si immignottisce un po.. ehehehheh).
Sono doti che non ho essendo sicuramente piu volgare, dato anche il mio stile di vita! Oh ma di tenerezza ne esprimo molta non sono una bestiaccia!
Moen anche per la carra gli anni passano.. se io provassi a fare un minimo passettino che fa lei ci resto secco!! Quella e una tua caratteristica moen!! Io inventero altro, magari piu da night. Mi dovrei solo sciogliere un attimo!
Bacio cicci!