mercoledì, settembre 06, 2006

Pestati perchè gay, discriminati dagli agenti della Polizia cantonale


Da Ticino on line apprendiamo i particolari dell'aggressione avvenuta davanti al Garage Music di Castione la notte della grande festa gay-friendly . Ecco il racconto di uno dei due malcapitati: "Eravamo appena entrati in auto dopo la serata al Garage Music. Uno sconosciuto accompagnato da una ragazza ha bussato al finestrino e ci ha chiesto qualcosa. Ho abbassato per capire cosa voleva. Ci ha chiesto se eravamo gay. Gli ho risposto di sì. A quel punto ha iniziato a tirare pugni. È riuscito ad aprire la porta e si è buttato su di me provocandomi un taglio sul sopraciglio. Poi ha tirato pugni anche al mio amico. Il tutto è successo in pochi secondi. Ho avuto giusto il tempo di chiudere la porta dell'auto, mettere in moto e scappare. Abbiamo raccontato l'episodio al servizio di sicurezza. Insieme a loro siamo usciti fuori da locale. L'aggressore era nella sua auto, mi sono recato da lui, ma ha iniziato a urlare dicendomi che non ci conosceva e di lasciarlo in pace. Poi ha acceso l'auto ed è scappato. Abbiamo fatto in tempo però a prendere il numero della targa". Decisamente grave ed inammissibile il comportamento dei due agenti della polizia cantonale immediatamente chiamata. "Abbiamo fornito loro il numero della targa. Sono riusciti a risalire all'autore, ma di fronte alla nostra richiesta di andarlo a prendere i due agenti ci hanno risposto che non avevano tempo, poichè erano l'unica pattuglia libera in quella zona". Recatisi il lunedì alla polizia cantonale di Lugano i due ragazzi hanno avuto una brutta sorpresa, scoprendo che sul verbale gli agenti non avevano riportato il numero di targa dell'auto del delinquente: "Facendo figurare un verbale privo del numero di targa, non avevano motivo di attivarsi nella ricerca dell'aggressore". Non basta: sul verbale il solerte agente ha scritto che il motivo dell'aggressione
"è riconducibile, per ovvi motivi, al tema della serata".
Si è anche appreso che presso l'Ospedale San Giovanni di Bellinzona, la stessa notte, un altro ragazzo gay era stato medicato per ferite da aggressione. Aggressione avvenuta sempre a Castione.
Prendiamo atto di quanto accaduto e attendiamo che la Polizia Cantonale compia il proprio dovere nei confronti dell'aggressore e dei due agenti accorsi sul posto.

2 commenti:

ziomario ha detto...

che dire??? niente.. non c'è nulla da dire... se c'è ancora gente che alza le mani verso qualcuno solo perchè omosessuale, vuol dire solamente che questo mondo di m... deve imparare ancora moltissime cose! Mi fa rabbia pensare che ci sia ancora così tanta gente che discrimina ( e non parlo solo di persone omosessuali).. davvero non ho parole....

olivier ha detto...

E' scandaloso il comportamento della Polizia svizzera. Mi auguro pongano rimedio il più presto possibile.