mercoledì, settembre 27, 2006

Vita da circo


Volevo raccontarvi un ricordo che in questi giorni è molto presente in me.
Sin da piccolino ho sempre provato un fascino particolare per il mondo del circo. Non lo spettacolo ne tantomeno i poveri animali (andrebbero aboliti). La prima volta che vidi un circo non la ricordo, se non attraverso una buffa fotografia che mi ritrae su un elefante, credo di aver avuto al massimo 5 anni. Ricordo benissimo invece la prima volta che andai a vedere l'arrivo di un circo. Avevo 8 anni sotto la sorveglianza di una zia che abita nelle vicinanze della piazza che ospita i circhi.Insieme ad alcuni compagni di scuola fui arruolato da alcuni inservienti per aiutarli nei preparativi finali. Scaricavamo le sedie dai tir per portarle sotto il tendone, spianavamo la segatura in pista, insomma lavoretti semplici, il tutto in cambio di un biglietto omaggio per lo spettacolo della sera.Fu, fra l'altro,il mio primo incontro con persone extracomunitarie (allora era diverso), non nascondo che avevo un po di paura, forse comprensibile vista la mia giovanissima età, ma credo che grazie a quelle conoscenze abbia superato la diffidenza, allora inculcata dai grandi.
Negli anni questo "evento" l'ho ripetuto più volte. In me aumentava il fascino per questa vita, per quel mondo di sacrificio, di provvisorietà, di aggregazione, di coraggio, di sfide, di gioie. Un mondo a volte malinconico ma che riusciva a farmi sognare, quanti sogni ad occhi aperti......sino a far affiorare in me la voglia di partire con loro e non tornare più. Insomma nel circo trovavo un rifugio che stemperava le mie sofferenze adolescenziali ed i miei allora ignoti malesseri. Ancora oggi quando entro in un circo e sento quell'odore inconfondibile di segatura (per me è un profumo) l'emozione ha il sopravvento e per un istante rivivo le cose del passato. Oggi non voglio andare via. Riesco a godermi quei ricordi serenamente, solo con un po' di piacevole nostalgia! (En)

2 commenti:

ziomario ha detto...

En.. ti sei dimenticato di raccontare quando a 7 anni sei scappato al seguito di un circo, solo per starevicino alla Moira Orfei :-) eheheheheh

ser ha detto...

Mo, pur conoscendo da sempre la tua passione, leggerla qui mi ha riempito di tenerezza e mi ha fatto ricordare tanti momenti, anche lontani nel tempo.X quanti anni ti ho accompagnato in giro x l'Italia a tutti gli spettacoli circensi in cui ci imbattevamo? Alla fine ho imparato anch'io i nomi, le famiglie, gli artisti che hanno fatto la storia del circo.Ehm, non mi piaceva mica tanto: già la vista del tendone mi intristiva...Eppure, ricordo, godevo nel vedere la luce che si accendeva nei tuoi occhi in quei momenti, il tuo volermi spiegare tutto fin nei minimi particolari, perchè anch'io condividessi la tua febbre e attraverso questa ... la tua vita. Tatmo!